Accesso civico

Accesso Civico

Normativa di Riferimento

  • L. n. 241 del 1990 s.m.i. Nuove norme sul procedimento amministrativo.
  • D.P.R. n. 184 del 2006 Regolamento recante disciplina in materia di accesso ai documenti amministrativi.
  • D.Lgs. n. 196 del 2003 Codice in materia di protezione dei dati personali.
  • D.Lgs. n. 163 del 2006 - Codice degli appalti - Art. 13. Accesso agli atti e divieti di divulgazione.
  • Decreto Legislativo 33/2013 s.m.i. – Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni.
  • Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione - Circolare n. 2/2017 – Attuazione delle norme sull’accesso civico generalizzato (c.d.FOIA).
  • Determinazione ANAC n. 1309 del 28/12/2016 – Linee guida recanti indicazioni operative ai fini della definizione delle esclusioni e dei limiti all’accesso civico di cui all’art. 5, comma 2 del D.lgs 33/2013.

          

Accesso civico (semplice e generalizzato)

Il diritto di accesso civico consente ai cittadini di conoscere i dati, i documenti e le informazioni detenuti dalle pubbliche amministrazioni, a parte eccezioni espressamente previste dalla legge (art. 5 del d.lgs. n. 33/2013).

Esistono due tipi di accesso civico:

1. “accesso civico semplice”: è il diritto da parte di chiunque, a prescindere da requisiti di legittimazione soggettiva della persona richiedente, di richiedere documenti, informazioni e dati per i quali è stabilito dalla legge un obbligo di pubblicazione, ma che l’amministrazione abbia omesso di pubblicare sul proprio sito istituzionale: l’amministrazione adempie pubblicando quanto omesso e dandone informazione alla persona richiedente (accesso ex art. 5, comma 1, del d. lgs. 33/2013, come modificato dal d.lgs. 97/2016).

2. “ accesso civico generalizzato” (c.d. FOIA, dall'inglese Freedom of Information Act): è il diritto da parte di chiunque, a prescindere da requisiti di legittimazione soggettiva della persona richiedente, di accedere a dati e documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, nonché a informazioni contenute in documenti già formati dall’amministrazione, ulteriori rispetto a quelli per i quali è stabilito dalla legge un obbligo di pubblicazione, fermo restando il rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi pubblici e privati giuridicamente rilevanti previsti dalla legge (es. privacy, segreto di stato, ecc.) e previo eventuale rimborso, secondo l’apposito tariffario, dei costi vivi e documentati per riproduzioni su supporti materiali (accesso ex art. 5, comma 2, del d. lgs. 33/2013, introdotto in seguito alle modifiche apportate dal d. lgs. 97/2016)

   ISTANZA DI ACCESSO CIVICO:

L'istanza di accesso civico non deve essere motivata ed è gratuita; presupposto del diritto è che sussista in base alla normativa l'obbligo di pubblicazione di ciò che viene chiesto.
L'istanza deve contenere la descrizione dei documenti/dati/informazioni richiesti (tale da consentirne l'individuazione) e va presentata o all'Ufficio Relazioni col pubblico o al Responsabile della Prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT), utilizzando il modello"Richiesta di accesso civico".

L'istanza va trasmessa  o per posta ordinaria indirizzata all'Ufficio Relazioni con il pubblico, via Comunale del Principe 13, 80145 Napoli o per via telematica all'indirizzo urp@aslnapoli1centro.it, sottoscritta con firma digitale o firma elettronica qualificata oppure sottoscritta con firma autografa e inoltrata in tal caso unitamente a copia di documento di identità.

A seguito della richiesta, in base all'art. 5 del D.Lgs. 33/2013 e succ. mod., l'Ufficio Relazioni col pubblico o il il Responsabile Prevenzione corruzione e trasparenza entro il termine di 30 giorni dal ricevimento dell'istanza, dà comunicazione della pubblicazione nel sito del documento/informazione/dato richiesto (se oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi del D. Lgs. 33/2013) indicando il collegamento ipertestuale.

In caso di ritardo o mancata risposta nel termine di 30 giorni,il richiedente può ricorrere al titolare del potere sostitutivo, Direttore Generale, presentando il modulo"Richiesta di accesso civico al titolare del potere sostitutivo" (all. n. 2)ai seguenti indirizzi:
- aslnapoli1centro@pec.aslna1centro.it se l'istante è in possesso di casella postale elettronica certificata;
- dir.generale@aslnapoli1centro.it se l'istante è in possesso di una casella di posta elettronica tradizionale.
Per la tutela del diritto di accesso civico il richiedente può proporre ricorso al Tribunale Amministrativo regionale (art. 116 D. Lgs. 104/2010) entro 30 giorni dalla conoscenza della decisione del Responsabile Prev. corruzione e trasparenza o dalla formazione del silenzio.
 

 

 

Contenuto inserito il 16-10-2019 aggiornato al 02-03-2021

ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO

   OGGETTO DELL'ACCESSO GENERALIZZATO: l'oggetto di accesso civico generalizzato - come premesso -  è costituito dai documenti, dalle informazioni e dai dati detenuti dall'Azienda, ulteriori a quelli oggetto di pubblicazione obbligatoria. 

Non sono ammesse istanze:

  • generiche, ossia che non consentano l'individuazione del dato, del documento o dell'informazione, con riferimento, almeno, alla loro natura e al loro oggetto;
  • meramente esplorative, ossia finalizzate a verificare esclusivamente di quali informazioni l'Autorità dispone;
  • aventi ad oggetto intere categorie di documenti ovvero un numero manifestamente irragionevole di dati o documenti, idonei a ledere il principio di buon andamento dell'amministrazione.

Le istanze di accesso devono indicare gli estremi dei documenti, delle informazioni e dei dati a cui si richiede di accedere, ovvero fornire elementi idonei a consentirne l'identificazione.

L'istanza è gratuita, non deve essere motivata ed è trasmessa dal soggetto interessato per via telematica all' Ufficio relazioni con il pubblico, alla mail urp@aslnapoli1centro.it, ovvero alla pec dell'Azienda:  aslnapoli1centro@pec.aslna1centro.it.
Le istanze presentate in via telematica, ai sensi dell'articolo 65 del Codice dell'amministrazione digitale, sono valide:

  • se sottoscritte mediante la firma digitale, il cui certificato è rilasciato da un certificatore qualificato;
  • quando l'istante è identificato attraverso il sistema pubblico di identità digitale (SPID), nonché attraverso uno degli altri strumenti di cui all'articolo 64, comma 2-novies del medesimo Codice;
  • se sono sottoscritte e presentate unitamente alla copia del documento d'identità;
  • se trasmesse dall' istante o dal dichiarante mediante la propria casella di posta elettronica certificata purché le relative credenziali di accesso siano state rilasciate previa identificazione del titolare, anche per via telematica secondo modalità definite con regole tecniche adottate ai sensi dell'articolo 71 del medesimo Codice e ciò sia attestato dal gestore del sistema nel messaggio o in un suo allegato.

Le istanze possono altresì, essere validamente presentata a mezzo posta, fax ovvero consegnate a mano presso gli uffici dell'Azienda, purché sottoscritte e accompagnate dalla copia di un documento di identità in corso di validità.

Entro trenta giorni dalla presentazione dell'istanza, il Responsabile del procedimento decide sull'istanza di accesso civico generalizzato con provvedimento espresso e motivato, dandone immediata comunicazione all'interessato e agli eventuali controinteressati. In caso di accoglimento, il Responsabile del procedimento provvede a trasmettere tempestivamente al richiedente i documenti, le informazioni ed i dati richiesti.

Il Responsabile del procedimento, qualora individui dei controinteressati, è tenuto a dar loro comunicazione dell'istanza e deve attendere eventuali loro opposizioni.

E' possibile utilizzate IL MODULO DI RICHIESTA DI ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO 

http://www.aslnapoli1centro.it/web/amministrazione-trasparente/telefono-posta-elettronica   urp@aslnapoli1centro.it.  ,  urp@pec.aslna1centro.it

In caso di richiesta di riesame, avverso la risposta del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, il richiedente può proporre ricorso al Tribunale amministrativo regionale ai sensi dell'articolo 116 del Codice del processo amministrativo di cui al decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104. Qualora si tratti di atti delle amministrazioni delle regioni o degli enti locali, il richiedente può presentare ricorso al difensore civico competente per ambito territoriale, ove costituito.

Circolare n. 2 del 20 maggio 2017 del Ministero per la semplificazione e la P.A. e delle "Linee Guida recanti indicazioni operative ai fini della definizione delle esclusioni e dei limiti all'accesso civico di cui all'art. 5, co. 2, del d.lgs. n. 33/2013

Contenuto inserito il 16-10-2019 aggiornato al 02-03-2021

Registro degli Accessi

  Il registro degli accessi contiene l’elenco delle richieste di accesso presentate all’ Azienda e riporta l’oggetto e la data dell’istanza e il relativo esito con la data della decisione. I registri sono pubblicati, oscurando i nominativi dei richiedenti e i dati personali eventualmente presenti, e sono aggiornati ogni sei mesi.

Per la loro realizzazione sono state seguite le Linee Guida ANAC - Delibera n. 1309/2016 e la Circolare del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione n. 2/2017

Registro accesso civico semplice primo semestre 2019

 Registro accesso civico generalizzato primo semestre 2019

 Registro accesso civico generalizzato 2019

 Registro accesso civico semplice 2019

Contenuto inserito il 16-10-2019 aggiornato al 08-02-2021

ACCESSO DOCUMENTALE

  ACCESSO DOCUMENTALE: è la domanda di accesso (richiesta di presa visione o di rilascio copia) a delibere e provvedimenti dell'Azienda, nei termini e alle modalità previste dalla normativa vigente (Legge 07 agosto 1990 n. 241 e DPR 12 aprile 2006 n. 184). Possono fare domanda tutti i cittadini portatori di un interesse "diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è richiesto l'accesso" (art. 22, Legge 241/1990).

Modalità di accesso: Per presentare domanda, è necessario rivolgersi alla Servizio/Ufficio o Struttura che detiene il documento di cui si chiede l'accesso, portando con sè il proprio documento di identità valido. I costi di ricerca, visura e riproduzione fotostatica, e le spese di spedizione, sono quelle previste da tariffari aziendali. Il procedimento di accesso si conclude entro 30 giorni, decorrenti dalla presentazione della richiesta all'ufficio competente (art. 6 del DPR 184 del 2006). La documentazione si ritira presso il Servizio/ Ufficio o Struttura che detiene il documento o, su richiesta, viene inviato a casa tramite servizio postale (con il pagamento delle corrispettive spese di spedizione).

Normativa: Legge 07 agosto 1990 n. 241 e successive modifiche ed integrazioni e DPR 12 aprile 2006 n. 184.

Contenuto inserito il 16-10-2019 aggiornato al 07-02-2021
Facebook Twitter Linkedin
Recapiti e contatti
Via Comunale del Principe 13/a - 80145 Napoli (NA)
PEC aslnapoli1centro@pec.aslna1centro.it
Centralino 081 254 11 11
P. IVA 06328131211
Linee guida di design per i servizi web della PA